L’AUDIZIONE

Ostia, Vulpiani: “Via il lungomuro. La mafia si è appropriata delle attività”

Ostia, il prefetto Vulpiani: “Via il lungomuro. La mafia si è appropriata delle attività”
Ostia
Il commissario prefettizio del Municipio X davanti alla Commisione parlamentare d’inchiesta sulle periferie torna sul tema dell’idroscalo e annuncia il possibile abbattimento del muro di cemento che domina il lungomare

“Il problema più grosso di Ostia è di tipo sociale, per la presenza di organizzazioni di tipo mafioso che si sono appropriate di diverse attività”. E’ un fiume in piena il prefetto Domenico Vulpiani, commissario di Ostia, che davanti alla Commissione d'inchiesta parlamentare sulle periferie elenca tutto quello che è stato fatto e tutto quello c’è da fare sul litorale romano per il ripristino della legalità. Un risposta indiretta a chi nei giorni scorsi aveva manifestato contro la proroga del commissariamento del Municipio X per infiltrazioni mafiose. L’annuncio più importante è quello sul lungomuro che potrebbe essere abbattuto: “Se i gestori degli stabilimenti non si adeguano abbatteremo il lungomuro, naturalmente seguendo i tempi della legge. Abbiamo chiesto al Comune di Roma di mettere nel bilancio 2017 500.000 euro per questo abbattimento". In alcuni tratti, secondo il prefetto, potrebbe essere usato il legno invece che il cemento. Altro punto dolente è quello dell’idroscalo e della baraccopoli che vi insiste: “La Capitale d'Italia – spiega Vulpiani - non può avere alla foce del Tevere un insediamento come l'Idroscalo, una baraccopoli abusiva che andrebbe eliminata. Alcune persone però abitano lì da sempre e sono nostri concittadini. Questo è un problema che non può essere risolto con un semplice sgombero ma prevedendo soluzioni per chi abita lì da tutta la vita”.
Vulpiani è poi intervenuto su tema dei chioschi nelle spiagge libere rientrate in possesso del municipio perché scadute le concessioni. “Abbiamo verificato che non tutte erano a norma. Stiamo valutando di abbattere, insieme a Risorse per Roma, i chioschi per far vedere come deve essere una spiaggia libera. Nelle more di queste attività garantiremo sia la pulizia delle spiagge che l'assistenza con la presenza dei bagnini”.

Categoria: