ALT STADIO

Stadio giallorosso arriva lo stop dalla Soprintendenza

Stadio giallorosso arriva lo stop dalla Soprintendenza
Questa volta a decidere la “partita” dello stadio della Roma sarà lo Stato il 3 marzo

Dalla Soprintendenza per il Comune di Roma del Mibact arriva uno stop per lo stadio giallorosso. Ma il prossimo 3 marzo, in sede di Conferenza dei servizi, a esprimersi sarà lo Stato, con un parere unico che tenga conto di tutte le sue articolazioni. A sottolinearlo, ricordando la legge Madia, sono fonti vicine alla Conferenza dei servizi. In una lettera, anticipata oggi da alcuni quotidiani e inviata ai proponenti e alla sindaca Raggi, la soprintendente Margherita Eichberg "dà comunicazione dell'avvio del procedimento di dichiarazione di interesse particolarmente importante del manufatto 'Ippodromo di Tor di Valle'". Nella lettera si sottolinea la rilevanza architettonica in particolare della tribuna e si prescrive che l'area sia lasciata libera da opere "in elevato a eccezione dei manufatti già esistenti, per i quali, in caso di sostituzione, non dovranno essere superate l'altezza e la densità attuali".
"La nostra è un'iniziativa a tutela di un bene culturale, l'ippodromo di Tor di Valle è una struttura importante per la storia dell'architettura, al momento è l'edificio in cemento armato con il maggiore sbalzo al mondo per tipologia strutturale. Il vincolo sulle tribune è l'unico atto veramente vincolante che possiamo emanare, e nel caso del vincolo diretto come bene culturale diventiamo determinanti". Lo dichiara all'Agi Margherita Eichberg, soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per il Comune di Roma, che ha avviato la procedura di vincolo sull'ippodromo situato nell'area dove dovrebbe sorgere lo stadio di proprietà dell'As Roma a Tor di Valle. "Quello che va detto - prosegue - è che questo nostro atto è l'avvio di un procedimento, che si conclude tra 120 giorni, i proponenti hanno 80 giorni per risponderci e potrebbero anche chiedere che il vincolo non venga apposto. Noi abbiamo avviato la procedura dopo aver consultato i comitati tecnico scientifici del Mibact. Poi formalmente il vincolo lo appone il segretario regionale del Mibact, sentita la commissione regionale per la tutela, dopo che avremo concluso la nostra istruttoria che deve concludersi entro 120 giorni". Quanto alla tempistica della pratica, che arriva dopo ventisei mesi dalla votazione in Assemblea Capitolina della delibera che concede pubblica utilità al progetto presentato dalla As Roma e dalla società Eurnova, la Eichberg puntualizza: "La delibera è stata approvata nonostante una serie di pareri che le due soprintendenze avevano dato, che avanzavano una serie di forti criticità in particolare sui grattacieli che sorgerebbero a fianco dell'impianto sportivo, che avrebbero dovuto determinare una modifica del progetto. Ora l'istruttoria si è fatta più approfondita per il livello definitivo del progetto depositato. Il proponente non ha approfondito adeguatamente la valutazione sull'ippodromo - prosegue - sostenendo frettolosamente che è un edificio degradato e che ha problemi di adeguamento alla normativa antisismica. Le tribune risultano tutelate anche dalla normativa comunale di piano regolatore (c.d. Carta della Qualità), dalla quale la previsione del progetto Stadio comporterebbe la deroga. I tecnici delle commissioni ritengono - conclude - che sarebbe interessante confrontarsi al livello di normativa antisismica su come adeguare una struttura in cemento armato".

di FRANCESCA PUCCI

Categoria: